SEZIONE DEDICATA AI RECLAMI CHE INTENTI SOTTOPORCI


In caso di reclamo dovrà essere inviata una email utilizzando il modulo sottostante.

Oppure anche via fax al numero: 0575/194.87.78


Nel predetto modulo sarà necessario:

a) Indicare le generalità e il numero telefonico ed i recapiti presso cui si desidera ricevere informazioni sulla gestione della segnalazione/reclamo: email; fax; sms.

b) Citare gli estremi della pratica di recupero contestata; l'ente creditore mandante; il nome dell'addetto al recupero da cui si è stati contattati.

C) Specificare i motivi della segnalazione, che potranno riguardare:

  • pagamenti già eseguiti;
  • contestazioni sull’entità/oggetto del credito;
  • irregolarità amministrative;
  • irregolarità operative dell'addetto al recupero;
  • contenzioso in corso inerenti l'oggetto del recupero.


Entro 5 giorni dall'invio della segnalazione, ove regolarmente presentata, si riceverà una comunicazione di presa in carico da parte dell'azienda.

A gestione conclusa, Ufficio Reclami contatterà l’interessato per comunicare l'esito della pratica.

NB: si specifica che le segnalazioni di avvenuto pagamento non potranno essere neppure prese in carico in difetto di documento giustificativo allegato al reclamo (quietanza; distinta di accredito; matrice del bollettino con timbro delle Poste; copia bonifico bancario con specificato il CRO; ecc.)



Per saperne di più...

Non sei soddisfatto dalle procedure applicate dall'Azienda oppure non ha risposto entro 20 gg. dalla tua richiesta?

Potrai attivare una Procedura di Conciliazione.


  - Come attivare la procedura

Le modalita' operative con cui si svolge la conciliazione sono definite nel Regolamento attuativo, che e' allegato al Protocollo di Conciliazione Paritetica. 


Entrambi i documenti sono stati siglati il 23 luglio 2014 da UNIREC (Unione nazionale imprese a tutela del credito)  e dalle Associazioni dei Consumatori aderenti al FORUM: Adiconsum, Cittadinanzattiva, Federconsumatori, Movimento Consumatori, Movimento Difesa del Cittadino.

A CHI E' DESTINATA

Possono ricorrere alla procedura di conciliazione i consumatori che abbiano una controversia non risolta con una impresa UNIREC a seguito di reclamo. 

Quindi:
puo' avviare la procedura di conciliazione il consumatore che 
- abbia inoltrato all'impresa di recupero un reclamo (presentato direttamente o tramite Associazione dei consumatori)  scritto, tracciabile e riconosciuto.
- abbia ricevuto una risposta ritenuta inadeguata oppure non abbia ricevuto alcuna risposta entro venti giorni. 

Il Consumatore deve scaricare l'apposito modulo di domanda di conciliazione, compilarlo, firmarlo e inviarlo insieme alla richiesta documentazione di supporto alla Segreteria Forum.
- entro 45 giorni dalla ricezione della risposta ritenuta inadeguata 
- entro 90 giorni dall'inoltro del suo reclamo alla impresa di recupero nel caso in cui sia rimasto inevaso.

COME SI SVOLGE

La Segreteria entro 7 giorni verifica la completezza e correttezza della domanda, provvedendo alle richieste di perfezionamento, se necessario. 
Poi invia la domanda completa alla Commissione, che viene costituita in modo paritetico da un Conciliatore lato impresa e da uno lato Associazioni dei Consumatori.

La Commissione studia la documentazione ed effettua le eventuali verifiche del caso. 
Quindi predispone il verbale di proposta di accordo, e lo invia entro 15 giorni al consumatore.

Il Consumatore ha 15 giorni dalla ricezione per decidere.
> Se accetta la proposta di conciliazione, deve sottoscrivere il verbale e rinviarlo alla Commissione, tramite raccomandata A/R oppure fax o posta elettronica.
La controversia e' cosi' risolta e conclusa.
> Se non accetta la proposta di conciliazione, i componenti della Commissione redigono un verbale di mancato accordo, inviandolo al consumatore e alla Segreteria.

IN QUANTO TEMPO SI SVOLGE

La procedura di conciliazione deve essere conclusa al massimo entro 90 giorni dal ricevimento della domanda. 
Sono previsti un massimo di ulteriori 30 giorni in caso di situazioni eccezionali, che richiedano un supplemento di attivita'.

QUANDO NON E' POSSIBILE ACCEDERE ALLA CONCILIAZIONE

Non sono ammissibili le domande presentate
- in presenza di altra procedura di conciliazione fra il consumatore e l'azienda oggetto di reclamo;
- in pendenza di azioni giudiziarie in corso.


COME SI SVOLGE



La Segreteria entro 7 giorni verifica la completezza e correttezza della domanda, provvedendo alle richieste di perfezionamento, se necessario. 
Poi invia la domanda completa alla Commissione, che viene costituita in modo paritetico da un Conciliatore lato impresa e da uno lato Associazioni dei Consumatori.



La Commissione studia la documentazione ed effettua le eventuali verifiche del caso. 
Quindi predispone il verbale di proposta di accordo, e lo invia entro 15 giorni al consumatore.



Il Consumatore ha 15 giorni dalla ricezione per decidere.
> Se accetta la proposta di conciliazione, deve sottoscrivere il verbale e rinviarlo alla Commissione, tramite raccomandata A/R oppure fax o posta elettronica.
La controversia e' cosi' risolta e conclusa.
> Se non accetta la proposta di conciliazione, i componenti della Commissione redigono un verbale di mancato accordo, inviandolo al consumatore e alla Segreteria.



IN QUANTO TEMPO SI SVOLGE



La procedura di conciliazione deve essere conclusa al massimo entro 90 giorni dal ricevimento della domanda. 
Sono previsti un massimo di ulteriori 30 giorni in caso di situazioni eccezionali, che richiedano un supplemento di attivita'.




QUANDO NON E' POSSIBILE ACCEDERE ALLA CONCILIAZIONE



Non sono ammissibili le domande presentate
- in presenza di altra procedura di conciliazione fra il consumatore e l'azienda oggetto di reclamo;
- in pendenza di azioni giudiziarie in corso.

Per saperne di più...