Formazione - progetto e-learning insieme a UNITELMA.

Etruria global service aderisce al progetto  Aggiornamento on-line per gli operatori della tutela del credito. Privacy, Antiriciclaggio, Negoziazione, Credito al consumo e Buone Prassi di recupero, ed anche moduli ad hoc su temi specifici. 

Accordo firmato Unitelma La Sapienza, Ebitec ed UNIREC

COMUNICATO STAMPA                                                                             logo_unirec_2.jpg

Roma, 11 Gennaio 2016 2016/02/U

                                      

Dai primi mesi del 2016 formazione professionale online per gli oltre 19.000 addetti del comparto della tutela del credito  

Roma, 11 gennaio 2016 -

Mettere a fattore comune i rispettivi know-how in tema di formazione. E’ con questo intento che Francesco Avallone, Rettore dell’Università Telematica Unitelma La Sapienza ha siglato lo scorso 17 dicembre un accordo con Clemente Reale e Pietro Giordano rispettivamente Presidente e Vicepresidente di EBITEC - Ente Bilaterale Nazionale per la Tutela del Credito - e Marco Pasini, Presidente di UNIREC - Unione Nazionale Imprese a Tutela del Credito.

“Riteniamo l’investimento in formazione su coloro che lavorano nel settore della tutela del credito - ha dichiarato Clemente Reale, Presidente di EBITEC - strategico, sia perché permette di migliorare la qualità del servizio offerto alle aziende che si avvalgono delle nostre imprese sia perché permette di ridurre i “rischi” connessi all’attività quotidiana. Inoltre, collaboratori altamente formati, in grado di gestire con successo ogni tipologia di trattativa rappresentano una garanzia per chi è interessato/coinvolto nella nostra attività. Il progetto e-learning sarà anche l’occasione per diffondere ulteriormente la conoscenza e quindi l’applicazione del Codice di Condotta per i processi di gestione e tutela del credito.”

“La formazione attraverso un’importante Università quale Unitelma La Sapienza - ha commentato Pietro Giordano, Vice Presidente di EBITEC - è un grosso passo in avanti verso l’ulteriore qualificazione delle aziende della tutela del credito e rappresenta inoltre una buona pratica per giungere ad una certificazione di qualità capace di essere garanzia per i consumatori e per le aziende che affidano i loro crediti.

” Obiettivo della partnership triennale è infatti quello di realizzare un progetto - dedicato agli oltre 19.000 addetti del comparto - altamente innovativo nelle modalità e qualificante nei contenuti, grazie alla collaborazione della prestigiosa Università che metterà a disposizione la propria piattaforma, a docenti professionisti ed alla possibilità d’inserire nuove figure appartenenti ad Istituzioni ed altri stakeholder.

“Voglio esprimere con convinzione la mia soddisfazione - ha affermato Francesco Avallone, Rettore dell’Università Telematica Unitelma La Sapienza - per la convenzione appena firmata, perché sono certo che l’Università possa dare un importante apporto al miglioramento della professionalità delle aziende e degli operatori del settore della tutela del credito.

L’iniziativa, inoltre, permetterà di dare una risposta concreta alle mutate esigenze delle imprese del comparto, tra cui:  ampliare il target di riferimento della formazione, rivolta a tutte le figure professionali: operatori telefonici, agenti domiciliari e addetti al back office;  realizzare uno strumento di formazione innovativo, flessibile e che consenta di arricchire l’offerta;  individuare una modalità di erogazione che ottimizzi i tempi di somministrazione, riduca sensibilmente i costi, assicurando al tempo stesso il mantenimento e il miglioramento degli standard qualitativi.

I corsi, che saranno erogati nei primi mesi del 2016, si concentreranno su aree tematiche di particolare interesse per gli operatori della tutela del credito: Privacy, Antiriciclaggio, Negoziazione, Credito al consumo e Buone Prassi di recupero, con focus sul «Codice di Condotta per i processi di gestione e tutela del credito». Ma, grazie alla dinamicità e all’immediatezza dell’e-learning, saranno realizzati anche corsi ad hoc su specifici temi e corsi di aggiornamento. “La professionalizzazione - ha concluso Marco Pasini, Presidente di UNIREC - è la via maestra per rimanere competitivi rispetto ad un mercato molto esigente circa la qualità dei servizi prestati dalle nostre Associate: proprio in questo senso, nella nostra proposta di riforma normativa, abbiamo inserito - tra gli altri elementi caratterizzanti - la formazione obbligatoria e l'aggiornamento continuo degli operatori. La competenza didattica e gli strumenti tecnologici che avremo a disposizione grazie a questo importante accordo, inoltre, ci consentiranno di potenziare l'attuale offerta formativa, arricchendola di ulteriori contenuti tecnico didattici.”

UNIREC (UNIONE NAZIONALE IMPRESE A TUTELA DEL CREDITO) rappresenta oltre 200 aziende che, con i loro 19.000 addetti, rappresentano l’85% del mercato italiano del recupero crediti. Le aziende associate, nel 2014, hanno gestito 40 milioni di pratiche pari ad un valore di 56 miliardi di euro, di cui quasi 10 miliardi recuperati. UNIREC aderisce a Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici ed è membro di FENCA, Federazione europea delle associazioni nazionali del comparto. Nel 2014 insieme a Adiconsum, Cittadinanzattiva, Federconsumatori, Movimento Consumatori e Movimento Difesa del Cittadino ha costituito il FORUM UNIREC-CONSUMATORI, un tavolo di lavoro strutturato e permanente tra UNIREC, le sue Imprese e i consumatori.

Comunicato Stampa Fonte UNIREC del 11/01/2016